Vaccinazione anti-Covid: perché il rifiuto del dipendente è un motivo giustificato di risoluzione del rapporto di lavoro

Pubblichiamo l’articolo redato da Giuliano Cazzola, membro del Comitato scientifico ADAPT, sul rimedio del licenziamento per giustificato motivo a seguito di rifiuto del lavoratore di sottoporsi al vaccino contro il virus Sars-Cov.2. _________________ Sarà obbligatorio sottoporsi alla somministrazione del vaccino? Ci saranno regole specifiche per i lavoratori? E come queste regole potranno incidere sui rapporti […]

Leggi tutto →

Legge di Bilancio 2021: tutte le novità in materia fiscale, di lavoro e di sostegno alla liquidità ed allo sviluppo delle imprese

Nella Gazzetta Ufficiale del 30 dicembre 2020 è stata pubblicata la legge di Bilancio 2021 (legge n. 178 del 30 dicembre 2020) per mezzo della quale sono state introdotte numerose novità in materia di lavoro, fiscale e di sostegno alla liquidità ed allo sviluppo delle imprese. Di seguito si elencano i principali interventi: NOVITÀ IN MATERIA DI LAVORO […]

Leggi tutto →

ARAN: Il periodo di prova, ai sensi dell’art. 20, comma 4 del CCNL del 21 maggio 2018, è da considerarsi sospeso per effetto delle diverse fattispecie di assenza previste dalle disposizioni legislative relative allo stato di emergenza epidemiologico derivante da Covid-19 (artt. 23, 24, 25 e 26 del D.L 18/2020 e dall’art. 19 del D.L. 9/2020)?

Pubblichiamo il seguente parere con cui l’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni (ARAN) fornisce indicazioni sull’impatto degli interventi legislativi, varati a causa dell’emergenza sanitaria da “Codiv-19”, su importanti istituti della disciplina lavoristica degli enti locali: clausola di prova. «Per quanto di competenza, si evidenzia che l’istituto giuridico del periodo di prova, disciplinato dal contratto […]

Leggi tutto →

ARAN: Durante il periodo di emergenza epidemiologica da Covid-19, le educatrici dell’asilo nido, dopo che siano state utilizzate le ferie pregresse ed applicati tutti gli altri istituti previsti dalla normativa emergenziale e dalla disciplina contrattuale ivi comprese le attività integrative di cui all’art. 31 del C.C.N.L. 14.09.2000, possono essere adibite a mansioni equivalenti nell’ambito dei servizi sociali ed in particolare alle attività connesse ai minori ed alle famiglie?

Pubblichiamo il seguente parere con cui l’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni (ARAN) fornisce indicazioni sull’impatto degli interventi legislativi, varati a causa dell’emergenza sanitaria da “Codiv-19”, su importanti istituti della disciplina lavoristica degli enti locali; adibizione a mansioni equivalenti in luogo dell’esonero dal servizio. «Con riferimento al quesito in oggetto, appare anzitutto opportuno […]

Leggi tutto →

ARAN: Istituti contrattuali del comparto Funzioni Locali ed emergenza epidemiologica da Covid-19: il personale impiegato in regime di “lavoro agile” può utilizzare le diverse fattispecie di permesso, fruibile su base oraria, previste dalla disciplina contrattuale?

Pubblichiamo il seguente parere con cui l’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni (ARAN) fornisce indicazioni sull’impatto degli interventi legislativi, varati a causa dell’emergenza sanitaria da “Codiv-19”, su importanti istituti della disciplina lavoristica degli enti locali; i permessi dei lavoratori agili. «In considerazione della peculiarità della situazione determinata dall’epidemia di Covid-19 e della necessità […]

Leggi tutto →

Omissioni contributive: l’I.N.P.S. è litisconsorte necessario nel giudizio tra datore di lavoro e lavoratore

Pubblichiamo il seguente articolo, redatto da Marcello Trombetta e Silvia Mariani, tratto da IPSOA Quotidiano, in cui gli autori commentano la recente pronuncia della Corte di Cassazione n. 19679, del 21 settembre 2020 (il cui contenuto viene pedissequamente trascritto), con cui i giudici di legittimità stabiliscono il principio per cui l’I.N.P.S. è litisconsorte necessario nei […]

Leggi tutto →

La Corte Costituzionale dichiara l’incostituzionalità dell’indennità risarcitoria legata ai vizi di motivazione del licenziamento

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 150 depositata il 16 luglio 2020, dichiara incostituzionale l’articolo 4 del decreto legislativo n. 23/2015 sulla indennità risarcitoria legata ai vizi di motivazione del licenziamento, ex art. 2, comma 2, della legge n. 604/1966, o della procedura ex art. 7 della legge n. 300/1970, con riferimento all’inciso “di importo pari ad una mensilità dell’ultima […]

Leggi tutto →