Limiti alla produzione documentale in appello nel Rito Lavoro

di Giuseppe Platania, Avvocato, Dottore di Ricerca, esperto in Diritto del Lavoro


Il principio dispositivo, per cui solo alle parti processuali spetta l’indicazione dei mezzi di prova a sostegno dei fatti allegati in giudizio, trova specificazione rigida nel rito lavoro in ragione del divieto di nova in appello.

La giurisprudenza, tuttavia, è consolidata nel ritenere che detto principio vada contemperato con quello della ricerca della verità e, pertanto, il deposito in appello di documenti non prodotti in primo grado non è oggetto di preclusione assoluta potendosi ammettere, anche d’ufficio, ove essi siano indispensabili ai fini della decisione purché allegati, anche implicitamente, nell’atto introduttivo.

La sentenza in esame, richiamando gli esposti principi, si pone sul solco tracciato dalla Suprema Corte.

Sentenza n. 100_2019

Condividi