Contratto a termine con causali dei contratti collettivi: nessun limite temporale a proroghe e rinnovi

Arrivano dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la nota n. 1363 del 2021, le istruzioni operative con riferimento alla modifica alla disciplina delle causali nel contratto a tempo determinato. In particolare, l’Ispettorato pone in evidenza la circostanza per cui il limite temporale di applicazione della disciplina introdotta dal decreto Sostegni bis si riferisce soltanto alla prima stipula di contratti di lavoro a tempo determinato di durata superiore a 12 mesi e non anche alle proroghe o rinnovi di tali contratti.

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, nella nota n. 1363 del 14 settembre 2021, fornisce alcune importanti indicazioni operative sulle modifiche alla disciplina delle causali che legittimano la stipula di un contratto a tempo determinato superiore ai 12 mesi (art. 41 bis D.L. n. 73/2021, conv. da L. n. 106/2021).

Nuove causali

contratti collettivi nazionali, territoriali o aziendali stipulati da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale e i contratti collettivi aziendali stipulati dalle loro rappresentanze sindacali aziendali ovvero dalla rappresentanza sindacale unitaria hanno la possibilità di individuare specifiche esigenze per la stipula di un contratto a tempo determinato di durata superiore ai 12 mesi, ma non oltre i 24 mesi. Deve trattarsi di esigenze specifiche e concrete.
La contrattazione collettiva non può dunque generici rinvii a vaghe esigenze produttive o organizzative, ma ogni singola ragione giustificatrice della predeterminazione della durata del contratto di lavoro subordinato dovrà essere elencata in maniera analitica e costituire di per sé stessa una clausola autosufficiente a consentire di individuarla e verificarne l’effettività dell’apposizione.

Proroghe e rinnovi

Le nuove indicazioni riguardano anche gli istituti del rinnovo e della proroga: con le modifiche introdotte con il decreto Sostegni bis, è possibile rinnovare o prorogare un contratto a termine secondo le nuove previsioni della contrattazione collettiva.

Limiti temporali

La possibilità di stipulare contratti a termine di durata iniziale superiore ai 12 mesi, secondo le esigenze individuate dalla contrattazione collettiva, è ammessa solo fino al 30 settembre 2022. Tale termine va riferito alla formalizzazione del contratto, il quale ben potrà prevedere una durata del rapporto che superi tale data, fermo restando il limite complessivo dei 24 mesi.
Non ci sono invece limitazioni temporali specificamente riferiti alla proroga o al rinnovo di contratti a termine in ragione delle causali previste dalla contrattazione collettiva.
Credit by:
IPSOA Quotidiano
Condividi